Da maker a seller, le regole per vendere online

Quando si parla di marketplace si pensa eBay, luogo per eccellenza in cui comprare e vendere in completa autonomia.
Anche DaWanda condivide la stessa definizione , ma con una particolarità: è il marketplace dedicato agli artigiani, designer e creativi da tutto il mondo.

Quali le nuove opportunità offerte agli artigiani italiani?
Per scoprirle, ecco la testimonianza di Alessio Rocchi, maker toscano di grande talento e con uno spirito imprenditoriale contemporaneo.

 

quote

Professione artigiano: un’alternativa alle altre
Architetto, Alessio si avvicina alla vendita online e alla presenza attiva su DaWanda e altri marketplace dopo aver scoperto il mondo dei maker tempo fa, target affascinante e ampiamente raccontato da giornalisti e blogger.
Alessio – aka Lohn (Little Objects for Huge Needs) si accorge che esiste una strada alternativa alla sua professione e che la realizzazione di oggetti accessibili, moderni e di grande impatto può essere un modo per guadagnare e farsi conoscere in rete.
Impara in fretta che vendere autonomamente le proprie creazioni, avere un rapporto diretto con i clienti e occuparsi di tutto il ciclo di vendita, dalla selezione delle immagini alla descrizione dei prodotti fino alla spedizione stessa, consente di prendere piena consapevolezza del potenziale del proprio brand, soprattutto all’inizio.

Porsi una domanda prima di tutto: le mie creazioni potrebbero vendere?
Ogni maker è innamorato delle proprie idee creative e sarebbe un delitto se accadesse il contrario. Tuttavia è fondamentale confrontarsi con il contesto e chiedersi a chi possano piacere le proprie creazioni e se potrebbero vendere.
Nel caso di Alessio la vetrina online è diventata, specialmente all’inizio di questa sua avventura, il modo per ricevere immediato feedback sui suoi esperimenti. Diversamente rispetto ad altri, il suo percorso lo ha portato a sperimentare prima il mondo delle vendite online, solo successivamente quello offline: il primo contatto diretto con il pubblico, fisico e non virtuale, lo ha avuto in occasione della Maker Faire di Roma e per lui ha rappresentato un’autentica sorpresa, un’esperienza positiva oltre le aspettative: un marketplace è davvero in grado di preparare al contatto diretto con il pubblico delle fiere o dei grandi eventi.

La questione del prezzo e i LoveDealsClub
Scegliere il prezzo delle proprie creazioni è spesso la chiave per avere successo e essere competitivi.
Fondamentale è trovare il giusto equilibrio tra il valore percepito soggettivamente e i prezzi del proprio mercato di riferimento. Indispensabile inoltre essere pronti ad applicare offerte e promozioni: mettere in sconto alcuni dei propri prodotti, ad esempio, significa non deprezzare il proprio lavoro, ma promuoverlo.
Alessio, tra altri creativi DaWanda, ha avuto modo di sperimentare gli Sconti Flash, vere e proprie campagne a tempo lanciate nell’autunno 2014 e appurando, in prima persona, quanto engagement e interesse si possano creare con poco sforzo.
A questo proposito, DaWanda interviene a favore dei creativi e, per continuare in questa direzione e confermarsi la palestra per i maker, lancia ora anche il LoveDealsClub, una sezione dedicata agli acquirenti in cerca di iniziative speciali, ma sempre handmade: sconti a tempo, offerte combinate, spedizioni gratuite. Il team di DaWanda è accanto ai creativi proponendo soluzioni specifiche per ciascuno, incoraggiando tutti a imparare a conoscere bene il potenziale dei propri prodotti e vendere con successo.

Le golden rule per vendere online
Grazie alle esperienze di vendita finora raccolte da DaWanda, inclusa quella di Alessio Rocchi, è possibile stilare una serie di “regole d’oro” utili a indirizzare il lavoro di quanti, artigiani, designer o maker, vogliano uscire dall’anonimato e vendere le loro creazioni.

  • creare un collegamento tra il proprio negozio online e i profili social. Questo offre la possibilità di comunicarsi al meglio e interagire da subito con potenziali clienti
  • una volta identificata la propria area di azione e mercato, la vetrina online deve essere alimentata continuamente. Pensare che l’apertura del negozio sia, di per sé, sufficiente a garantire le vendite è un’utopia
  • è necessario coordinare azioni sullo shop con occasioni di visibilità: il movimento crea movimento
  • via libera all’attivazione di differenti forme di vendita, dal couponing pubblico e privato alla spedizione gratuita, dalla scontistica stagionale alle offerte su collezioni precedenti e agli Sconti Flash a tempo
  • trattare con garbo utenti sia italiani sia stranieri: ogni cliente soddisfatto è un cliente che tornerà ad acquistare

 

Maker, artigiano, designer, creativo: oltre le definizioni
Sempre più difficile trovare una definizione universalmente riconosciuta per chi, come Alessio, sceglie di fare della creatività una professione. Ad esempio, quella che Lohn sente di darsi è quella di maker o di artigiano digitale. Nel suo lavoro, l’aiuto delle macchine (quella per il taglio laser tra le tante) non può prescindere dalla fase di ideazione e da quella di intervento manuale di rifinitura degli oggetti. Macchina, mente e mano lavorano insieme e concorrono alla realizzazione di un prodotto unico, frutto di un processo originale che lo rende capace di essere apprezzato e, quindi, venduto.

Se pensi di avere bisogno di una consulenza, non esitare a contattare il team DaWanda: shops-it(at)dawanda.com.

Articolo da DaWanda

scritto su 02.12.2014 alle ore 19:23.

DaWanda è il mercato online con un cuore. Lo shop online perfetto per chi coltiva la passione per articoli dal design unico, creativi e fatti a mano con amore.

commenti